02/7/2014 16:32

Proposta variazione ARfD Chlorpyrifos

Nuovi possibili risvolti commerciali per le campagne di export di uva da tavola, mele, pere e ortofrutta in generale

Il 22 Aprile 2014 l’EFSA (European Food Safety Authority) ha pubblicato un documento per la valutazione della salute dei cittadini all’esposizione della sostanza attiva Chlorpyrifos. Tale studio è stato richiesto formalmente dalla Commissione Europea. La conclusione di tale studio ha portato l’EFSA a indicare, per la sostanza Chlorpyrifos, un nuovo valore di tossicità ARfD pari a 0,005 mg/kg bw, considerando questa sostanza più nociva per la salute rispetto a quanto era stato rilevato nel dossier pubblicato nell’ottobre del 2005, che fissava il valore ARfD a 0.1 mg/kg bw. Al momento il nuovo valore proposto non è stato ancora recepito dalla Comunità Europea, e non è possibile ad oggi prevedere la data di pubblicazione. Tale cambiamento non ha risvolti penali sulla produzione poiché il limite di legge non è stato variato. Ci sono però risvolti commerciali che vi invitiamo a considerare per le imminenti campagne di uva da tavola, mele e pere. E’ possibile, infatti, che alcune grandi distribuzioni tedesche e le relative agenzie di mediazione vogliano assumere una posizione di sicurezza rispetto a tale cambiamento, considerando nel calcolo della percentuale di ARfD il nuovo valore proposto, e non più il vecchio valore (pari a 0.1 mg/kg bw). Nell'allegato vi forniamo alcuni esempi su diverse referenze per farvi comprendere le criticità commerciali che si potranno verificare. A tale proposito vi suggeriamo di aprire un dialogo con i destinatari tedeschi della vostra merce in modo da comprendere le loro linee guida e attuare, qualora fosse necessario, nella vostra produzione accorgimenti mirati al non superamento delle percentuali di tossicità imposte.

[ Allegato ]

Torna alle News